Preparazione per il cammino sulla Francigena

Posted: 21 settembre 2017 by Jennifer

E proprio quando si crede che sia tutto finito, che tutto comincia

Preparazione:

Le cose più importanti sono lo zaino, le scarpe + calzini, la borraccia.
Ho scelto queste attrezzature con cura e devo dire che è stata un ottima considerazione. Mi sono informata in negozi specializzati e chiesto amici che il trekking lo praticano da molto tempo.
Ho speso un po’ di più, ma sono cose che rimangono. Niente è peggio di vesciche ai piedi o uno zaino che ti scarica il peso in modo errato sulla schiena. La preparazione fisica non è da sottovalutare.
Noi camminiamo abitualmente almeno 10 -15 km al giorno e nonostante ciò, ci siamo trovate al limite delle nostre forze.
Non bisogna essere l’atleta, ma qualche allenamento non guasta. Ho portato poco cose.
Qualche maglietta, costumo, pantaloncini corti e lunghi e una giacca per sere più fresche.
Tutte quello che è pesante, lasciatelo a casa. Uno zaino pesante rende il cammino più difficile.
Alla fine si ha bisogno di davvero poche cose per stare comodi.

La valigia della Maia.

Una ciotola pieghevole è indispensabile.
Ho portato anche una copertina che usavamo per sederci e lei la sera per dormirci.
Una borsa per l’autobus/treno di andata e ritorno, e le crocchette sufficienti per tutta la durata del cammino.
Qualche stick “energy” per lo spuntino. Qualche biscottino premio.  Per la Francigena, almeno per il pezzo che abbiamo percorso noi, non avete bisogno di una mappa o GPS. Stando attenti alle insegne è facile seguire il percorso. Non vi aspettate che ci siano Bar o paesi con negozi aperti dover poter acquistare panini, frutta o acqua. Abbiamo fatto davvero fatica per trovare anche solo una fontana per rinfrescarsi o un rucello per dissetarsi in estate. Tutto il cammino è isolato e completamente immersa nella natura.

ecco il nostro racconto completo qui

 

 

No Comments

Leave a Reply