Sentiero Grugola-Pisorno. Quello più magico

Posted: 1 ottobre 2019 by Jennifer

La vita non si misura attraverso i numeri di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro (Maya Angelou)

Ci dobbiamo scusare. Vi abbiamo promesso altri percorsi della zona di Canal di Bova. Abbiamo fatto passare quasi un mese per raccontare tutto. Eravamo impegnate a raccogliere idee per crearci un nostro futuro diverso e più rilassante e ci siamo proprio dimenticate di scrivere.
Manca il racconto più bello in assoluto del nostro soggiorno nel Trentino. La Valle Grugola-Pisorno. Il percorso più bello, meraviglioso e indimenticabile. Quel percorso che ci farà amare la montagna per sempre.

Alla Ecobaita gli host Matteo e Linda (leggere qui per avere più informazioni sulla Baita) ci consigliano un percorso di circa 4 ore ( 8,2 km) con un dislivello di 600m.
Ho chiesto specificamente di indicarmi un percorso ad anello, semplice e mai esposto. Un sentiero che avrei potuto fare da sola con la Maia senza aver difficolta particolari. Soffro di vertigini. So che è un problema solitamente psichico e spero di poter risolverlo un giorno. Per adesso pero ci devo convivere e cerco sempre di evitare percorsi che possano crearmi problemi sopratutto per la Maia.
Ci indicano un percorso che parte dal Lago di Calaita. Potete rileggere l’articolo precedente che racconta del Lago di Calaita Qui con delle indicazioni
Lasciamo la machina sul parcheggio sottostante la baita da cui parte il percorso numero E347 che per la prima parte risale la Val Pisorno. Il primo pezzettino vi lascerà senza fiato. Dovete salire un dislivello importante attraversando boschi e prati. Con un passo lento e deciso può essere pero affrontato da tutti, basta essere allenati un pochino. Il tratto in salita non è però mai pericoloso o particolarmente difficile.

L’ambiente è bellissimo.
Anche nel mese di agosto siamo sole durante tutta la passaggiata e possiamo camminare in silenzio. Salendo, la natura diventa sempre più rude, ma il verde dei pascoli prevale. Incontriamo mucche e un gregge gigante di pecore. State sempre attenti quando incontrate un gregge sopratutto per i cani da pastori. Solitamente non hanno un approccio molto simpatico con chi incontrano per strada visto che la cosa per cui sono addestrati è la protezione del gregge.
Abbiamo fatti un incontro brusco con quattro maschi che ci correvano incontro, ma Maia è talmente femmina che li ha cacciati facendogli vedere i suoi dentini affilati. Si sono ritirati senza fiatare.

Al interno del gregge c’erano anche molte mamme pecora con i cuccioli che non erano molto felici di vederci lassù. Abbiamo cercato di non farli innervosire troppo tenendoci alla larga.

Arrivate in alto sulla cresta abbiamo una vista incredibile. La montagna è bellissima ed estremamente rilassante. Da qui si potrebbe arrivare fino alla cima Grugola. Noi non ci andiamo. Siamo da sole e non vogliamo esagerare.
La seconda parte del percorso è meraviglioso e caratterizzato da correnti d’acqua da cui la Maia beve in continuazione. A lei piace bere l’acqua che scorre. Mai beve nelle ciotola da casa. Sempre solo da fontane che si trovano sparse per Firenze. Forse è il cloro che le da fastidio.
Da lontano vediamo il lago Garine, attraversiamo la Valle di Grugola. Un percorso semplice e appagante. Bello, bello, bello.

 

Dopo circa quattro ora raggiungiamo la macchina. Siamo sodisfatte di quanto abbiamo visto e vissuto. Ci siamo riempite l’anima con bellezza e silenzio che ci poteremo nel cuore per sempre.
Per riprendere forze ci fermiamo nella Malga Miralago Calaita che si affaccia sul Lago di Calaita. Ci mangiamo delle Spatzle con burro e speck che ci coccolano ancora un po’ prima di tornare in Hotel.

 

Se avete sonno dopo questo pranzo gustoso, fate come noi. Vi trovate uno spazio sul prato verde immenso del Lago di Calaita e ci schiacciate un bel pisellino. Abbiamo dormito come due agnellini per almeno un ora.

Il prossimo racconto, vi promettiamo nero su bianco qui, sarà la nostra salita fino alla Chiesetta di San Silvestro

 

 

 

No Comments

Leave a Reply