Maia davanti a Montefioralle

Montefioralle. Una domenica con pranzo rilassante

Posted: 8 giugno 2020 by Jennifer

Montefioralle

Montefioralle è uno dei borghi più belli d’Italia che si trova molto vicino a Greve in Chianti.
La nostra passeggiata di oggi è forse una delle più caratteristiche che conosco vicino a Firenze. Vigne, boschi, poderi e profumi toscani vi accompagnano durante tutto il tragitto. Noi la facciamo almeno una volta a settimana per rilassarci.
Sono circa 4 km e ci vuole 1 ore e mezzo. Due ore se si cammina lentamente.

Montefioralle è un borgo minuscolo tutto tondo. Una Curtis medievale davvero caratteristica. Il cassero feudale in cima circondato dalle case piccoline dei lavoranti delle terre e la mura di cinta. Ci troverete una piccola chiesa di Santo Stefano, un bar e un piccolo ristorante.

Il bar a Montefioralle
Il bar a Montefioralle

 

Per la nostra passeggiata di oggi vi consigliamo di arrivare a Montefioralle da Greve in Chianti. Troverete un parcheggio appena superato il paese sulla destra. Parcheggiate la macchina e salite per farvi un piccolo giro. Il bar è aperto solo venerdì sera, sabato e la domenica dalle ore 10, ma vi consiglio di farci un salto se è aperto. Potete mangiare delle cose tipiche toscane che non si trovano più. Pane, vino e zucchero per esempio.
Quando farete il giro di Montefioralle state attenti alla casa della famiglia del navigatore Amerigo Vespucci. Una V indica la porta di casa.

Iniziamo la nostra passeggiata

Dopo il giro tornate verso il parcheggio. Uscendo dalla porta troverete una strada che accosta il muro di cinta. Non prendetela. Girate sulla destra quella appena dopo che vi porta, in mezzo ai campi scendendo, al fiume. Attraversate il ponte e continuate a passeggiare a dritto. Dopo il primo campo troverete una vigna sulla destra. Girate sulla destra salendo e attraversatela per raggiungere una piccola chiesa in fondo. E’ bellissima e avrete una splendida vista du Montefioralle che si troverà di fronte a voi.
Potete anche rilassarvi su delle sculture di terracotta che fanno parte della “slow road“, il progetto del comune di Greve, in collaborazioni con degli artisti del territorio per valorizzare il territorio. Grand parte del itinerario di oggi cammineremo su questo tracciato e vedremo molte creazioni artistiche sulla via. Se avete voglia potete trovare tutte le indicazioni del progetto qui

Per tornare sul nostro percorso prendete la strada del prato sulla sinistra della chiesa  per arrivare alla strada sterrata bianca.

La Macina di Cresci

Girate sulla sinistra e camminate sempre a dritto fino ad arrivare alla Pieve e Macina di San Cresci. Un posto meraviglioso.

La Macina di San Cresci è una residenza per artisti che vengono ospitati da Duccio e Demetria in cui sono esposti molte creazioni interessanti. Una persona appassionata al arte non può non fermarsi qui. Per ulteriori informazioni Qui se volete sapere di più
Consiglio di prenotare una visita alla pieve, che è aperta solo su prenotazione, o di dare uno sguardo alla Macina di Cresci quando è aperta.
Dalla Macina di Cresci camminate sempre a diritto fino al cimitero. Girate sulla destra e continuate a camminare.

Il pranzo al podere Somigli

A fine strada troverete il Podere Somigli in cui ci fermiamo per goderci un bel pranzo. Basta prenotare da Elena o Lorenzo  Qui e vi verranno serviti dei gustosi piatti, tutto preparato con verdure del loro orto e uova delle loro galline, accompagnato dal loro vino rosso. Un tavolo apparecchiato sotto un pergolato con una vista meravigliosa.
Bisogna prenotare per poterci mangiare, visto che non è un ristorante. Verrà preparato tutto solo su prenotazione concordano il menu insieme a voi.

Potete inoltre ammirare lo studio d’artistico di Alfredo che crea dei disegni e sculture bellissime.
E’ possibile anche solo fermarvi per curiosare o per comprare o assaggiare il loro vino e olio d’oliva.

Per proseguire la vostra camminate attraversate la loro proprietà e camminate sempre a diritto finche non trovate un bivio. Girate sulla destra per arrivare in un bosco dopo qualche metro. Scendete seguendo la strada. Attenzione in autunno trovate qui degli alberi di corbezzoli buonissimi. Io e la Maia ci siamo riempito la pancia con queste delizie.
Scendete la collina seguendo la strada. Al bivio sempre a destra. Troverete sulla vostra destra dopo un po un piccolo ruscello dove la Maia beve sempre con gusto. Attraversatelo per proseguire sul tracciato salendo. Arriverete sul una vigna che salite fino ad una salita sulla sinistra per ritornare sulla strada sterrata vicino alla Macina di Cresci. Girate sulla sinistra e la strada alla croce sulla destra per risalire dritti, dritti a Montefioralle.

Come sempre potete chiedermi la traccia GPS. Basta che mi mandate il numero di telefono. Vi mando tutto via whatsapp.
Buona camminata !!

No Comments

Leave a Reply